«Torna alla home | I Comuni del Salento | Mappa Salento | Pubblicità | Contatto | Link | I nostri banner |  
| Salento Storico | Eventi Salento | Ricette Salento | Itinerari Salento | Alloggi Salento | Prodotti Tipici | Salento Ristoranti | Artigianato |
Salento Antico: Torri Castelli Masserie
Il Paleolitico Origini e Storia L' Età dei Messapi Il Medioevo
Oriente e Occidente Torri Castelli Masserie Il Barocco Leccese

TORRI  CASTELLI MASSERIE

UN TERRITORIO FORTIFICATO

Nei decenni centrali del Cinquecento la rinnovata pressione turca sulle coste meridionali spinse i viceré di Napoli, rappresentanti della casata imperiale spagnola, a costruire lungo il litorale un cordone ininterrotto di torri di avvistamento, in gran parte completato negli anni Sessanta dello stesso secolo. Di quella poderosa impresa restano oggi gran parte dei presidi fortificati che, a intervalli regolari, connotano il paesaggio costiero e che per secoli furono un valido deterrente contro gli assalti dal mare.

LA CINTURA DI TORRI COSTIERE

Delle 58 torri, gran parte sono a pianta quadrata con basamento scarpato e struttura dotata di feritoie e caditoie, altre cilindriche (una tipologia più antica che compare nella torre di Santa Cesarea, in torre Miggiano, torre di Capo Lupo, torre di Andrano, torre Pizzo), altre ancora assomigliano a piccoli castelli costieri,
come il demolito castello di San Cataldo, la torre del Fiume alla marina di Nardò detta anche le Quattro Colonne, o l'imponente torre di Porto Cesareo che, come altri esempi, conserva il ponte levatoio di accesso al piano elevato perché per ragioni di sicurezza il piano terra non aveva uscite. A completare il sistema di difesa e controllo del territorio furono chiamate le preesistenti torri medievali, come la Torre del Serpe a sud di Otranto, ma soprattutto i castelli costieri che già a partire dalla seconda metà del Quattrocento erano stati ristrutturati e adeguati alle tecniche e invenzioni belliche più moderne.

CASTELLI, MURA E BASTIONI 
 
Di questi ultimi fanno parte i castelli di Otranto e di Castro, posti tra Brindisi e Leuca a controllo del Canale di Otranto. Ricostruita subito dopo l'assedio turco del 1480, la grandiosa fortezza di Otranto replica lo schema tipologico aragonese, con impianto quadrangolare organizzato su una piazza d'armi rafforzata agli angoli da quattro torrioni scarpati, a cui l'architetto livornese Tiburzio Spannocchi aggiunse nel 1574 un monumentale bastione che giunge a pochi metri dalle acque del porto. Anche il castello di Castro si erge sul mare e lo domina dall'abitato, ma è organicamente connesso alla cinta muraria difensiva risalente alla seconda metà del Cinquecento. I due castelli costituiscono i capisaldi del sistema difensivo costiero, basato sulle torri e su una seconda cintura di fortificazioni posta a pochi chilometri dalla costa, come il castello di Roca Vecchia, e i castelli di Acaya (1506-36), Acquarica di Lecce (1549), Borgagne (1497), Melendugno (1550 circa), Andrano (1540 circa), Caprarica del Capo (1524), Tricase e Montesardo. Sulla costa ionica invece il presidio più importante è il castello di Gallipoli: di origini bizantine, fu quasi completamente ricostruito in periodo aragonese e alla fine del Quattrocento fu munito del rivellino, eretto su progetto di Francesco di Giorgio Martini. Successivamente, verso il 1543 è probabile che vi abbia lavorato anche l'architetto Gian Giacomo dell'Acaya, nobile locale. In corrispondenza di questo tratto di costa i castelli sono spostati notevolmente più all'interno, come il castello di Copertino progettato dall'architetto Evaristo Menga nel 1540, che per primo adottò in modo organico il moderno fronte bastionato, già impiegato parzialmente nel castello e nella cinta fortificata del castello di Acaya. Tutti gli altri castelli ionici (Galatone, Fulcignano, Parabita, Matino, Racale, Felline, Morciano, Giuliano ecc.) sono più propriamente castelli di terra. Di nuovo al mare si rivolge il castello di Lecce, sorto a partire dal 1539 intorno alle antiche fortificazioni svevo-angioine (la torre mastra appartiene alla metà del XIV secolo).

Progettata da Gian Giacomo dell'Acaya secondo le più aggiornate teorie militari, la grande fortezza era un tempo circondata da fossati che la isolavano. Altri castelli interni di particolare rilievo sono quelli di Alessano, Cannole (seconda metà del Cinquecento con giardino barocco), Casamassella, Collepasso (posto all'incrocio di importanti strade di comunicazione), Corigliano d'Otranto (della fine del Quattrocento con facciata barocca), Martano, Matino (dove è probabile la presenza di Ferdinando Sanfelice), Melpignano (con facciata barocca), Nardò (quattrocentesco ma in gran parte rifatto alla fine del secolo scorso), Ruffano, Taurisano, Tutino (quattrocentesco con facciata del 1580).

IL CONTROLLO DELLE CAMPAGNE

Dovunque nella campagna si ergevano torri di grandi e piccole dimensioni, spesso residuo di più grandi complessi rurali di età medievale poi scomparsi: la torre più celebre è quella di Leverano, probabilmente del periodo svevo (1220 circa). Tutto questo sistema che controllava il territorio e ne assicurava la difesa era integrato da un'altra tipologia edilizia che aveva finalità diverse: la masseria. È questo uno degli elementi che ancora oggi caratterizzano e qualificano il paesaggio rurale e rappresentano la testimonianza più evidente del latifondo medievale. Nella provincia di Lecce la masseria presenta dimensioni medie e piccole e raramente il suo fondo supera i 500 ettari. Sparse in modo uniforme sul territorio, differiscono tra loro per tipologia architettonica e caratteri edilizi: alle modeste costruzioni rurali organizzate entro recinti costruiti con pietrame a secco si affiancano veri e propri complessi fortificati, detti anche masserie fortificate o torri-masseria. Il sistema difensivo della torre della masseria Ascanio in territorio di Nardò èsimile, se non più complesso, di quello delle torri costiere o delle torri dei castelli. E fortificate erano non solo le masserie prossime alla costa ma anche quelle dell'entroterra, come la masseria Torrepinta e quella Li Quarti di Galatina. Nel territorio di Lecce, le più imponenti e singolari dal punto di vista architettonico erano le masserie Paladini Piccoli, Rauccio, Barrera, Giampaolo, affiancate dalle caratteristiche torri colombaie, mentre in territorio di Nardò interessanti sono la masseria Brusca con annessa cappella settecentesca, la masseria Giudice Giorgio dal coronamento a caditoie circolari, e la Trappeto.

Tratto da Lecce e il Salento-Touring Club Italiano

 
Salento Story
 
 
Alloggi Salento
 
 
Artigianato Salento
 
 
Prodotti tipici Salento
 
 
 
 
 
 
  Mediaday srl