«Torna alla home | I Comuni del Salento | Mappa Salento | Pubblicità | Contatto | Link | I nostri banner |  
| Salento Storico | Eventi Salento | Ricette Salento | Itinerari nel Salento | Alloggi Salento | Prodotti Tipici | Salento Ristoranti | Artigianato |
 
Soleto
 
 
Alloggi nel comune di Soleto
 
 
Ristoro a Soleto
 
 
Prodotti a Soleto
 
 
Artigianato a Soleto
 
 
 
Alloggi Salento
 
 
Comune di Soleto: Palazzi e Monumenti
 
» Palazzi e Monumenti » Stemmi e Famiglie

Stemmi e Famiglie

Fig 1. - Particolare Palazzo Rizzo
Fig 2. - Stemma famiglia Carrozzini

A Soleto, tra la fine del quattrocento e gli inizi del cinquecento, andò configurandosi la fisionomia cognominale delle famiglie intorno alle quali ruotò la vita di tutta la comunità. I numerosi casi di omonimia determinarono l'adozione di soprannomi che tennero conto o di attività di mestiere o del ruolo e della funzione ecclesiastica. Lo studio dei sigilli nel tentare un'indagine prosopografica del ramo soletano delle varie famiglie, ha rappresentato una fonte primaria e non ausialiaria di connotazione genealogica.
La famiglia Rizzo nel suo stemma propone il riccio (Fig. 1), crediamo esclusivamente per evocare, attraverso un'affinità etimologica, il nome della casata. Questa impostazione che tiene conto del bestiario nei risvolti esclusivamente araldici e richiamanti il titolare, consente di retrodatare di molto il Palazzo Rizzo di via Salomi. E' evidente il tentativo di assegnare al riccio  e quindi ai Rizzo, la patente delle "buone virtù" collegate all'utilità del riccio che divora molti animali nocivi e perfino le vipere.
Fig 3. - Particolare Palazzo Viva
Fig 4. - Stemma famiglia Attanasi
Anche per la famiglia Carrozzini si è riusciti a trovare il sigillo di famiglia che rappresenta non la carrozza, come molti pensano, bensì la ruota (Fig. 2) che possiamo ancora ammirare negli stemmi dei Carrozzini posti lungo la via Umberto I.
Il rivvenimento di un documento, sottoscritto dall'arciprete di Soleto Nicola Viva, in cui veniva riportato un sigillo cartaceo rotondo, con la caratteristica immagine della fenice (Fig. 3), attribuisce tale icona alla famiglia dei Viva. La fenice che arde sul fuoco (simbolo che esprime il concetto legato all'immortalità e alla resurrezione ), scolpita nello scudo angolare posto in alto sull'abitazione nel centro storico di Soleto, inequivocabilmente indica questo palazzo come la dimora dei Viva. La legenda dello scudo, ossia la parte epigrafica contiene esplicitamente il nome del titolare, anche se mimetizzato nel motto di famiglia: "EX ROGO REVIVAM" e nell'altra sconosciuta iscrizione soletana :"SOLA IN MORTE REVIVAM" incisa in uno stemma con l'araba fenice, appartenuto anch'esso ai Viva.
Fig 5. - Presunto stemma dei Tafuri
Fig 6. - Stemma famiglia Calò
La famiglia degli Attanasi, famosi per aver abbracciato la vita militare,  il cui stemma tripartito (Fig. 4), in cui figurano uno scaccato, le onde marine e tre lambelli o fortezze come tre sono gli intrepidi uomini d'arme (Niceta, Alessandro e anonimo fratello).
Alcune cronache ottocentesche hanno segnalato l'antica famiglia Tafuri originaria dell'Albania "ove i suoi componenti erano grandi signori". Ma le incerte annotazioni, non aggiungono altro  che possa giustificare quest'ipotesi e motivarla con prove certe. Tuttavia dalla facciata della presunta casa natale, ove è collocato l'altrettanto presunto stemma (Fig. 5) dei Tafuri, cogliamo alcuni indizi che motivano la probabile origine albanese: sullo scudo, si può notare il fusto di un albero sul quale campeggia una grande aquila bicipite con le teste rivolte in senso contrario. E' questo particolare, che indica forse, il legame tra la famiglia Tafuri e l'Albania. L'aquila bicipite, infatti, è l'arma della nobile e illustre famiglia albanese di Giovanni Castriota Scanderberg.
Fig 5. - Stemma famiglia Blanco
Nel 1630, Francesco Arcudi appone il suo sigillo con l'orso rampante su di un documento. Nel 1639, a margine del rogito testamentario, relativo alle ultime volontà del protopapa Antonio, suo padre, sottoscrive un atto sul quale appone il sigillo di famiglia. Questi sono forse gli unici documenti che confermano l'orso nell'araldica famigliare degli Arcudi.
Per la famiglia Blanco, su la cui abitazione sono scolpiti due delfini legati alla coda, la legenda epigrafica "UMILITAS ET SAPIENTIA" spiega l'adozione di questo animale identificandosi con i delfini e riconoscendo alla casata le doti di intelligenza e benevolenza tipiche del mammifero marino.
Se l'animale presente nel simbolo del casato identifica doti e caratteristiche della famiglia che rappresenta, intrigante e misterioso è il serpente avvinghiato sul fusto dell'albero rappresentato dagli stemmi della famiglia Calò (Fig. 6).  L'interpretazione più plausibile è il  tema dottrinario e mistico legato all'albero della vita con il serpente guardiano attorcigliato attorno.

Acquarica del Capo
Collepasso
Manduria
Parabita
Seclì
Alessano
Copertino
Martano
Patù
Sogliano Cavour
Alezio
Corigliano d'Otranto
Martignano
Poggiardo
Soleto
Alliste
Corsano
Maruggio
Porto Cesareo
Specchia
Andrano
Cursi
Matino
Presicce
Spongano
Aradeo
Cutrofiano
Melendugno
Pulsano
Squinzano
Arnesano
Diso
Melissano
Racale
Sternatia
Avetrana
Erchie
Melpignano
Roccaforzata
Supersano
Bagnolo del Salento
Faggiano
Mesagne
Ruffano
Surano
Botrugno
Fragagnano
Miggiano
Salice Salentino
Surbo
Brindisi
Francavilla Fontana
Minervino di Lecce
Salve
Taranto
Calimera
Gagliano del Capo
Monteiasi
Sanarica
Taurisano
Campi Salentina
Galatina
Montemesola
Sannicola
Taviano
Cannole
Galatone
Monteparano
Santa Cesarea Terme
Tiggiano
Caprarica di Lecce
Gallipoli
Monteroni di Lecce
San Cassiano
Torchiarolo
Carmiano
Giuggianello
Montesano Salentino
San Cesario di Lecce
Torre Santa Susanna
Carosino
Giurdignano
Morciano di Leuca
San Donaci
Torricella
Carovigno
Grottaglie
Muro Leccese
San Donato di Lecce
Trepuzzi
Carpignano Salentino
Guagnano
Nardò
San Giorgio Ionico
Tricase
Casarano
Latiano
Neviano
San Marzano di San Giuseppe
Tuglie
Castrignano dei Greci
Lecce
Nociglia
San Michele Salentino
Ugento
Castrignano del Capo
Leporano
Novoli
San Pancrazio Salentino
Uggiano la Chiesa
Castrì di Lecce
Lequile
Oria
San Pietro in Lama
Veglie
Castro
Leverano
Ortelle
San Pietro Vernotico
Vernole
Cavallino
Lizzanello
Ostuni
San Vito dei Normanni
Villa Castelli
Ceglie Messapica
Lizzano
Otranto
Sava
Zollino
Cellino San Marco
Maglie
Palmariggi
Scorrano
 
 
  Mediaday srl